News

 

separatore

RDnew

separatore

DIMENSIONE DONNA

 

3 marzo 2015 - Mettete due relatrici preparate ed un opponent coriaceo e fateli ragionare intorno ad un argomento che più intrigante non si può ed avrete una serata diversa dal solito. Il tema “Dimensione donna” è stato discusso così. Prima dall’avv. Laura Luzzatto, che con perizia ha trio copytracciato il profilo della donna nelle varie epoche storiche dell’occidente, facendone emergere una figura affatto fragile, detentrice di un potere reale nonostante la prevaricazione fisica da parte dell’uomo. Forte ruolo privato in epoca ellenica, ruolo pubblico e privato forte in epoca romana, spesso oggetto di scambio per stringere alleanze e  costruire imperi nel medio evo e fino al  XIX secolo. Poi il riscatto e il lento procedere del riconoscimento della piena parità di genere in tutte le attività umane. Ma, sottolinea l’avv. Luzzatto, è ancora troppo frequente il ricorso alla violenza, alla sopraffazione fisica da parte del maschio quando la donna rivendica la libertà di decidere della propria persona. Il fenomeno, è difficile da arrestare anche secondo la dott.ssa Carla Tavasani, per la ritrosia o spesso il timore delle donne a denunciare l’offesa subita.

E proprio la dott.ssa Tavasani ha messo in evidenza il ruolo  decisivo di alcune strutture di prevenzione e intervento, costituite ad hoc per dare la massima assistenza alle donne che subiscono violenza, fisica o psicologica. Un’esperienza gratificante per quanto riguarda i risultati, riconoscibile nello sguardo delle donne che riescono di nuovo a guardare al futuro con fiducia.

Ha invece contestato l’affermata recrudescenza del fenomeno l’avv. Paolo Mulitsch. Secondo statistiche recenti di una indagine Istat il numero di violenze contro le donne per mano di un uomo non sarebbe aumentato in valore assoluto, lo sarebbero invece quelle perpetrate dalle donne a danno di uomini. E poi denuncia il paradosso per cui allo scopo di  tutelare le giuste rivendicazioni del genere femminile, si sta finendo per danneggiare le legittime aspettative dei maschi. Un esempio, la riserva per legge di una “quota rosa” all’interno di organismi elettivi, ma ora, spesso, anche privati, porta al paradosso che per mantenere questo”equilibrio” si finisce talvolta  per tener fuori soggetti di più alte competenze e maggiori meriti. E questo tutto è meno che vera democrazia.

Insomma l’argomento è caldo e un pò confuso, e lo è dalla notte dei tempi, se è vero che anche la Bibbia mentre nel primo capitolo della Genesi (1,31) riferisce di una creazione contestuale dell’uomo e della donna, a indicare un pari dignità per un unico scopo << Il sesto giorno, quando ormai il mondo è pronto, Dio crea la prima coppia umana “ e maschio e femmina li creò” .>>, nel secondo capitolo ci lascia di stucco con un’altra versione della creazione umana e ci dà conto della nota estrazione della costola che regala al mondo la prima donna, ma dopo aver creato l’uomo.La contraddizione non sfuggì ai pii e dotti commentatori del Genesi Rabbah, che per rimediare si inventarono trucchi lessicali davvero esilaranti. Ma questa è un’altra storia. 

separatore

La corruzione,  un crimine che mina le basi morali ed economiche del paese.

Messina110 febbraio 2015 - La «corruzione va di pari passo alla crisi» e mette a repentaglio la ripresa economica. Ogni anno è più duro il monito del presidente della Corte dei conti, all’inaugurazione dell’anno giudiziario che ha messo in guardia dal «pericolo più serio per la collettività: una rassegnata assuefazione al malaffare, visto come un male senza rimedi».

E’ stato questo il nocciolo intorno al quale si è anche svolta la relazione dell’ On. Avv. Ignazio Messina - rotariano palermitano - firmatario di un disegno di legge organica sulla corruzione e la concussione. 

L’assuefazione, è stato osservato, nasce anche dall’ignoranza diffusa dell’effettivo ammontare delle risorse che vengono sottratte al bilancio complessivo della pubblica amministrazione; risorse che la Gdf stima in circa 60 miliardi di euro all’anno! E’ una cifra mostruosa, pari a 2/3 del costo annuo del debito pubblico. Il sistema corruttivo, perché di sistema si tratta, coinvolgendo le più disparate figure professionali e della pubblica amministrazione, altera profondamente la libera e sana concorrenza a danno delle imprese virtuose.  Si avverte quindi l’esigenza di un cambio culturale profondo, prima di ogni altra cosa, che accompagni la condanna sociale alla condanna giudiziaria.  Ma si può anche agire sulla prevenzione, più che sull’inasprimento delle pene, prevedendo norme più semplici ma molto più rigorose  per chi vuole contrattare con la pubblica amministrazione, disciplinando ad esempio in maniera più puntuale il fenomeno del subappalto e delle c.d." varianti" in corso d’opera.

bando-palazzo-ducale-1718 Molto interessante anche il dibattito che ne è seguito.Da più d’uno, tra l’altro,  è stato posta l’enfasi sulla necessità di ripristinare in ogni settore e ad ogni livello decisionale il concetto di responsabilità piena, morale e patrimoniale, per evitare che, come purtroppo avviene ormai con desolante ricorrenza, non si riesca a individuare il soggetto che deve risarcire il danno erariale prodotto per le malversazioni di cui i media danno quotidiana notizia. Una volta non accadeva e nessuno dimenticava il reo (Palazzo Ducale - Venezia -porta della paglia)

separatore

 

boll.555imagoBollettino n. 555 del mese di febbraio 2015 - La versione integrale è pubblicata nella sezione Bollettini  riservata ai soci registrati.

separatore

L'ing. Benito Zollia si autodefinisce un imprenditore di "provvisorio" successo; in realtà è una persona straordinaria, consapevole che nella vita l'impegno deve essere costante.

Zollia3 febbraio 2015 - Una serata all’insegna della simpatia, ma anche di preziosi  insegnamenti di un self made man. Un ex campione di basket  che ha saputo reagire a un brutto incidente e con passione e impegno  è riuscito a creare un’azienda gioiello che oggi dà lavoro a circa 1.000 dipendenti in sei stabilimenti dislocati in Italia, in Messico e in Slovacchia.  L’ing. Benito Zollia , goriziano ad honorem, è il fondatore e l’animatore della Brovedani Group di San Vito al Tagliamento, fornitore strategico di primari produttori multinazionali -  Bosch, Daimler, Continental, Eaton ecc.  - con prodotti di meccanica di precisione di altissimo standard qualitativo e tecnologico. L’ing. Zollia è riuscito a magnetizzare l’attenzione e la simpatia dei presenti. Ci ha raccontato con garbo di sè stesso e della sua creatura, con l’entusiasmo di un ragazzo e la semplicità di una persona concreta.. L’avremmo ascoltato per ore. Alcuni segreti del suo successo? La curiosità. Perché la curiosità è alla base della conoscenza e ti spinge a non accontentarti dei primi risultati.E poi, l’ordine e la pianificazione attenta di tutte le attività: per evitare sprechi ed eliminare le ridondanze organizzative che comportano costi aggiuntivi. E ancora,l a voglia di andare in cerca della fortuna e non restare inerti in attesa che essa si ricordi di noi. E a questo proposito ci ha raccontato come, volendo accedere al difficile ma importantissimo mercato tedesco, qualche decennio fa sia partito dalla sua fabbrica portando con sé alcuni campioni dei suoi prodotti straordinari e la determinazione e la capacità di convincimento di chi sa di poter assicurare qualità e affidabilità.

 separatore

Nuovi strumenti per educare i bambini al denaro

Rinaldi2ColliniB20 gennaio 2015 - “I bambini incontrano il denaro ancor prima dei quaderni di scuola. Lo vedono quando la mamma paga il conto dal fornaio, quando l’edicolante porge il resto al papà, quando sfogliano le illustrazioni di un libro che narra di oro, monete e tesori. Anche i personaggi delle fiabe possono giocare un ruolo significativo nell’orientare l’acquisizione di specifici valori e atteggiamenti sulla gestione del denaro, favorendo una corretta educazione finanziaria fin da bambini”. 

Ma non sempre questo avviene, sicché troppo spesso il rapporto dei giovanissimi  con il denaro è “malato” in quanto sganciato dall’idea di strumento indispensabile per progettare il proprio futuro e questo anche quando viene inculcata la sana abitudine di risparmiare. 

E’ iniziata così la relazione della D.ssa Emanuela Rinaldi (ricercatrice in Sociologia dei Processi culturali e comunicativi presso l’Università degli Studi di Udine;membro dell’Association of European Economic Education e consulente per il settore SCUOLA della Fondazione ISMU; autrice di vari testi, tra i quali <<Fiabe e denaro>>)

Ed è quanto emerge anche dalle ricerche effettuate separatamente dalla Dott.ssa Chiara Bianchizza (Master of Sciences in Environmental Techonologies presso l’Imperial College London; Vice Direttore dell’ISIG di Gorizia) su un gruppo numeroso di giovani studenti del goriziano. In generale si registra l’assenza di una coscienza della funzione sociale che può anche avere il capitale, come bene da   redistribuire equamente tra i vari soggetti della comunità che hanno contribuito alla sua accumulazione e al suo utilizzo produttivo (filantropia: esempi rilevanti, Bill Gates o Warren Buffet). Prevale invece l’associazione del denaro ad una immagine eticamente negativa, in particolare nei giovani di cultura cattolica.

 Di grande ausilio didattico si sta rivelando a questo scopo la rilettura critica e mirata di alcune celebri fiabe della nostra infanzia (vedi testo sopra menzionato)

separatorerotaractarance

separatore

boll.554

Bollettino n. 554 del mese di gennaio 2015 - La versione integrale è pubblicata nell'area riservata ai soci. 

separatore

PaulHarris_spillaNell'area riservata ai soci, documenti, è stato pubblicato il riepilogo dei riconoscimenti del Club al 24 dicembre 2014

separatore

fregio

Festa degli auguri - 16 dicembre 2014

 

festa_frameLa sera del 16 dicembre, nell’accogliente resort del Golf Club di Grado si è rinnovata la magia della tradizionale festa degli auguri, capace di scaldare i cuori e di far sentire vivo il piacere di stare insieme. Ai numerosi soci si sono uniti rappresentanti dei club service di Gorizia e quelli dei Rotary Club di Nova Gorica e di Salcano nonché il delegato del Governatore a nome di tutti i Club del Distretto 2060. Buon Natale a tutti.

I soci troveranno un filmato della serata nell'area riservata.

 

separatore

continua      freccia_dx1